Ceramiche per il bagno: idee e soluzioni

Il bagno negli ultimi anni è diventato un ambiente importante della casa non solo per la sua funzione e utilità. Infatti per rendere davvero confortevole e prestigiosa la propria abitazione bisogna occuparsi con massima attenzione della scelta dei rivestimenti. Tra le soluzioni gettonate e apprezzate spiccano le ceramiche. Ci sono tante aziende che si occupano di questo settore in grado di proporre negli anni dei prodotti esclusivi per soddisfare ogni gusto. Vediamo alcuni utili consigli per sfruttare al meglio le ceramiche per il bagno creando così uno spazio utile ed elegante.

Tipi di ceramiche per il bagno

Scegliere le ceramiche e i rivestimenti del bagno è una soluzione adeguata. Sono prodotti di qualità che garantiscono un meraviglioso impatto estetico e grande resistenza e durata nel tempo. Ci si può sbizzarrire nella scelta di piastrelle in ceramica smaltata oppure prendere in considerazione le piastrelle in gres porcellanato che permettono di ricreare qualsiasi effetto. L’importante è scegliere dei rivestimenti che abbiano due principali caratteristiche. La prima riguarda la bassa percentuale di assorbimento dell’acqua.

Soluzioni così realizzate permettono di evitare nel tempo il deterioramento del prodotto in quanto assorbono poca acqua e preferibilmente zero. Infatti per quanto si possa fare attenzione, è indiscutibile che si possa far cadere dall’acqua sul pavimento e sulle pareti e questo con l’utilizzo di piastrelle non adeguate per quanto riguarda la percentuale di assorbimento significa rovinarle anche in pochi anni. La seconda caratteristica fisica riguarda la resistenza agli agenti chimici. Siccome il bagno è insieme alla cucina il luogo che ha una maggiore tendenza a sporcarsi, sarà necessario occuparsi della pulizia con una certa frequenza.

Questo comporta l’utilizzo di detergenti chimici che potrebbero deturpare la bellezza di una trama. Le piastrelle vengono tutelate sotto questo punto di vista scegliendo per l’appunto dei prodotti che hanno un’alta resistenza agli agenti chimici. Oltre a questi due principali aspetti in fase di scelta bisogna tener conto anche della bellezza estetica e dei materiali.

Una prima soluzione è quella di indirizzare l’attenzione verso le piastrelle in ceramica smaltata. È tra i prodotti maggiormente amati e utilizzati perché offrono un perfetto equilibrio tra bellezza estetica e rapporto qualità-prezzo. Le percentuali di assorbimento dell’acqua sono basse e c’è una grande resistenza agli agenti chimici per cui sotto questo punto di vista non ci sono difficoltà.

Una seconda soluzione è quella di scegliere le piastrelle in gres porcellanato. Il gres è una sorta di evoluzione della ceramica che prevede una fase di cottura a temperature più elevate e questo comporta una porosità molto bassa che ricorda un po’ quella della pietra naturale. I prezzi sono leggermente più alti anche in ragione di un’ottima resistenza fisica.

La terza soluzione da valutare sono le piastrelle in porcellana. È un prodotto esclusivo che ha come principale differenza la durata del tempo. Volendo fare un raffronto con le classiche piastrelle in ceramica di argilla, quelle in porcellana ne rappresentano una versione più fine. Essenzialmente sono più durevoli perché vengono realizzate con una composizione particolare che prevede silice e quarzo opportunamente miscelate tra di loro.

La fase di cottura è diversa perché si raggiungono temperature molto più elevate e questo consente anche di poter spaziare in tema di colori e di disegni da ricreare. Tra l’altro garantiscono un impatto ottimale sull’ambiente in quanto vengono realizzate solitamente da argille riciclate. Hanno un più elevato grado di impermeabilizzazione e sono più dense. Tra l’altro hanno una percentuale più bassa di assorbimento dell’acqua dovuto anche alla durezza dei materiali.

Ci sono poi altre tipologie di rivestimenti e piastrelle per il bagno. Le ceramiche da bagno consentono di ottenere un ottimo riscontro ma c’è anche da valutare la tipologia di cottura che è un altro parametro che permette di suddividere i prodotti. Infatti è prevista la tipologia a monocottura per cui si ha una sola cottura e la superficie viene smaltata. In questo caso la porosità è media come del resto anche la resistenza. Se invece si scelgono delle piastrelle sottoposte a bicottura e la seconda avviene allo smalto, si riesce ad avere un prodotto soprattutto efficace in tema di resistenza agli agenti chimici.

Come detto aumentando le temperature si ottiene il gres porcellanato e il cosiddetto gres rosso che hanno un’ottima resistenza e una bassa porosità. Ci sono poi i prodotti che vengono sottoposti alla terza e quarta fase di cottura e questo certamente aumenta i costi e crea però delle decorazioni esclusive. Per completezza in Italia vengono prodotte anche le maioliche che è un prodotto particolare che si utilizza esclusivamente per rivestire le pareti perché l’assorbimento dell’acqua si attesta intorno al 15 o al massimo al 20%.

Scegliere le ceramiche per le pareti del bagno

La scelta delle ceramiche per il rivestimento del bagno è un qualcosa che può apparire semplice ma che in realtà richiede conoscenza dei materiali e soprattutto capacità di intravedere un progetto finito. I bagni non sono più soltanto degli spazi della casa utili per l’igiene personale e per tutte le altre esigenze ma rappresentano ormai una zona da curare per creare elementi di design esclusivi.

Non è un caso che quando si decide ad esempio di acquistare una nuova soluzione residenziale la qualità dei bagni in termini di rivestimenti e di tutti i pezzi presenti inficiano e non poco sul prezzo finale. La scelta va fatta essenzialmente rispetto a due situazioni. La prima riguarda l’aspetto estetico di cui parleremo nel prossimo paragrafo. L’altra invece è basata soprattutto sulla facilità di pulizia dei rivestimenti e sulla durata dei prodotti acquistati.

Abbiamo visto che bisogna spendere magari di più per acquistare delle ceramiche che hanno una bassa percentuale di assorbimento dell’acqua. In questo modo l’acqua non si filtra all’interno della piastrella e questa ha una durata maggiore e soprattutto il suo design non viene intaccato. Poi c’è la questione relativa alla resistenza degli agenti chimici. La scelta delle ceramiche deve essere improntata anche sulla porosità del prodotto.

La porosità crea dei problemi non indifferenti perché di fatto ci sono degli spazi vuoti all’interno dei quali l’acqua e l’umidità può incanalarsi. Ci sono poi soluzioni più adatte per creare un determinato stile come nel caso delle ceramiche per bagno moderno. In quest’ultimo caso Infatti bisogna preferire delle piastrelle lineari ed estremamente semplici per creare un aspetto estetico pulito senza tanti elementi di decorazione.

Altra questione da affrontare riguarda le dimensioni della piastrella. In questo caso entra in gioco anche un discorso soggettivo che riguarda il proprio bagno. Infatti se si dispone di un bagno limitato in termini di metratura, meglio preferire delle piastrelle più grandi e soprattutto di colore chiaro. Con questo semplice accorgimento infatti si riesce a ottenere un ambiente elegante e soprattutto capace di donare una sensazione di maggior spazio e di luminosità.

Quest’ultima scelta viene effettuata anche qualora il bagno sia privo di finestre. Inoltre è preferibile optare per le piastrelle in ceramica perché garantiscono il miglior abbinamento possibile tra praticità, bellezza e resistenza nel tempo.

Colori e motivi per le ceramiche del bagno

Dopo aver individuato la tipologia di rivestimenti per bagno più adatta entra in gioco la questione estetica. Ci sono tanti marchi in commercio che propongono trame e disegni differenti per cui il cliente può scegliere qualsiasi opzione. Si può andare Indiscutibilmente in due direzioni. La prima è quella di scegliere uno stile semplice e lineare che molti etichettano come nuovo classicismo.

La seconda invece è di indirizzare l’attenzione verso le ceramiche decorate per bagno che possono creare elementi geometrici e di qualsiasi forma. Nel secondo caso ci si può divertire nello scegliere contrasti cromatici differenti. Il neoclassicismo è indubbiamente un ottimo modo di interpretare il proprio bagno con piastrelle dalle dimensioni abbastanza contenute per ottenere massima linearità e semplicità. Il risultato finale sarà un bagno pulito che però può essere reso più elegante con alcune finiture in color oro oppure rame.

Per quanto riguarda invece le soluzioni che prevedono decorazioni di vario genere allora si può pensare a quelle che ricreano un effetto wallpaper. È da prendere in considerazione se si vuole un ambiente più animato ed eccentrico senza eccedere. Ci sono tanti prodotti che creano ambientazioni differenti dai semplici effetti geometrici fino ad arrivare a temi basati su animali, fiori, giungla e così via. Una splendida idea potrebbe essere quella di rivestire una parete con questo genere di ceramiche decorate mentre il resto dell’ambiente con elementi piuttosto semplici e tonalità chiare. Con questo perfetto abbinamento si esalta la decorazione e al tempo stesso non si crea un qualcosa che potrebbe stancare in pochi mesi. Un ulteriore passo verso la semplicità è quello di scegliere il cosiddetto trend dei minimalisti. Prodotto molto scarno ma soltanto all’apparenza perché poi permette di creare eleganza e raffinatezza in ogni zona del bagno. Si deve scegliere quindi un prodotto estremamente sobrio per offrire quasi un effetto resina. Per fare questo meglio prendere delle piastrelle molto grandi che possono superare anche i 100 cm per lato.

Ci saranno delle difficoltà per quanto riguarda l’installatore ma rivolgendosi a una ditta esperta si ottengono dei risultati che effettivamente lasciano a bocca aperta. In questo caso si preferiscono le tonalità chiare ma si può andare anche nel verso opposto scegliendo ad esempio delle ceramiche per bagno nero. Contrariamente a quanto si possa pensare , il nero è un colore che va sempre bene. Una sorta di evergreen che può essere utilizzato per abbinamenti di vario genere e per ottenere così un risultato finale impareggiabile. Usando sapientemente le piastrelle nere si crea un bagno elegante senza tempo che non passa mai di moda. Ci sono tanti brand del settore che propongono delle tonalità nere con piastrelle di piccole oppure di grandi dimensioni. L’importante è non eccedere nell’utilizzo del nero altrimenti si crea un qualcosa di troppo cupo e poco luminoso. Ulteriore soluzione da prendere in considerazione è che peraltro non passa mai di moda è quello di usare delle piastrelle in ceramica che offrono un effetto materico. Le ceramiche possono simulare le trame di altri materiali e nel caso specifico del legno, marmo e pietre naturali. Con il supporto di un esperto del settore sarà possibile suddividere gli spazi del bagno utilizzando di volta in volta le varie trame per ottenere un ambiente coinvolgente ed elegante al tempo stesso. Il contrasto tra effetto legno e marmo oppure con delle pietre naturali è da prendere in considerazione per chi vuole avere un ambiente moderno ma anche classico.